Questo slideshow richiede JavaScript.

Intensità espressiva tra figurativo e informale

“La pittura intensa di Paolo Amoretti sollecita l’osservatore a percorrere sentieri che appartengono agli spazi dell immaginario, dove l’atmosfera si colora di profili rarefatta e impalpabili grazie a una rigorosa ricerca della funzione espressiva del colore. Dopo anni di studi di ricerca e sperimentazione Paolo Amoretti è riuscito a raggiungere risultati eccellenti, capaci di restituire al pubblico ogni più intima vibrazione del pigmento, ogni palpito tonale dei colori ad olio che creano capitare di indiscusso coinvolgimento emotivo. Laddove vi sono volti e figure che affiorano da questi dipinti essi sono il frutto di un inarrestabile fluire coloristico, poiché nascono automaticamente come presenze emblematiche che con le loro sembianze intessono dialoghi silenti con l’osservatore. Lambendo l’indefinito confine tra realtà e l’astrazione, tra figura e informale, Amoretti usa il colore andando oltre la mera ricerca estetica, liberando eterogenee potenzialità espressive che derivano da un indagine interiorizzata. E’ inevitabile provare una sorta di rapimento contemplativo di fronte a questi lavori traboccanti di magica energia , l’osservatore viene sollecitato a soddisfare il desiderio di svelare il mistero sottile, trattenuto tra le maglie del colore o nell’espressione dei volti. L’artista attraverso una tecnica compositiva di grande suggestione riesce a produrre contemporaneamente situazioni di energia e di stasi, declinano nell’alternarsi dei colori la dicotomia della forza e della leggerezza. Con tecnica sapiente, Paolo Amoretti condivide con l’osservatore la propria soggettività, il suo lavoro è indagine intima esteriorizzata sulla tela, senza avere paura di confrontarsi con i lati più oscuri e problematici del suo spirito e della propria essenza.”

Dino Marasà